Agevolazioni su beni strumentali nuovi: Bonus Sud e Investimenti 4.0 – credito di imposta cumulabile

5 Aprile 2021
Roberto Piccolo

Credito d’imposta investimenti 4.0, l’agevolazione è cumulabile con il bonus Sud. Lo conferma l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello numero 157 del 5 marzo 2021: le regole del credito d’imposta sisma centro Italia escludono la cumulabilità con altri aiuti di Stato ma non quella con misure di carattere generale.

Il credito d’imposta per gli investimenti 4.0, previsto dalla legge di bilancio 2020, è cumulabile con il bonus Sud e con l’agevolazione per le imprese colpite dal sisma del centro Italia?

I chiarimenti sul quesito arrivano direttamente dall’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello numero 157 del 5 marzo 2021 (https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/0/Risposta_157_05.03.2021.pdf/b51344b1-81f7-deea-f140-a08f0e2f65b7)

Partendo dal caso concreto presentato dall’istante, l’amministrazione finanziaria richiama il quadro normativo di riferimento e spiega quali sono i limiti da rispettare nella fruizione delle agevolazioni.

Le regole relative al credito d’imposta per le imprese colpite dal sisma del centro Italia escludono la possibilità di cumulo con altri aiuti di Stato ma non quella con misure di carattere generale.

La cumulabilità tuttavia non deve portare al superamento del costo sostenuto per l’investimento.

L’oggetto della risposta all’interpello numero 157 del 5 marzo 2021 dell’Agenzia delle Entrate è la possibilità di cumulo tra il credito d’imposta per gli investimenti 4.0 e il bonus Sud.

Nell’interpello in questione viene analizzata la possibilità di cumulo per l’acquisizione di uno stesso bene strumentale (es. macchinario) utilizzando le due normative agevolative: l’articolo 1, commi 98-108, della legge n. 208 del 2015 (bonus sud) e articolo 1, comma 185, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (credito d’imposta investimenti 4.0 sempre se il macchinario rispondesse alle caratteristiche tecniche indicate dalla legislazione)

Lo spunto dei chiarimenti è, come di consueto, fornito da un caso concreto: la società istante ha acquistato una macchina con caratteristiche compatibili con entrambe le agevolazioni ed interroga l’Amministrazione finanziaria sulla cumulabilità.

L’Agenzia delle Entrate sposa la soluzione proposta dal contribuente e, nel fornire la propria interpretazione, riepiloga il quadro normativo di riferimento di entrambe le agevolazioni.

Il credito d’imposta sisma centro Italia è stato introdotto dall’articolo 18-quater del decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8, che ha esteso la disciplina del credito d’imposta Mezzogiorno, di cui all’articolo 1, commi 98 e seguenti, della legge 28 dicembre 2015, n. 208.

La misura è in favore di imprese che effettuano l’acquisizione di beni strumentali nuovi, parte di un progetto di investimento iniziale e destinati a strutture produttive dei Comuni delle Regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo.

Tali territori, infatti, sono quelli che sono stati colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto 2016.

Sulla cumulabilità di tale agevolazione con altri aiuti di Stato si è espressa la Commissione Europea con la decisione C (2018) 1661 final del 6 aprile 2018, al paragrafo 23): il beneficio non può essere cumulato con altri aiuti, anche de minimis, ricevuti per le stesse spese.

Il nocciolo della questione e dunque la classificazione del credito d’imposta per investimenti 4.0.

In base a quanto previsto dall’articolo 1, comma 185, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/2254661/commi+185_197++legge+di+bilancio+2020.pdf/0b861f0b-8d63-0ec2-1503-5ee880f4d119) contenuta nella legge di bilancio 2020 viene stabilito un credito d’imposta per le imprese che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi, destinati a strutture produttive situate in Italia.

Le condizioni dell’agevolazione sono stabilite dai commi 188, 189 e 190 dell’articolo 1 della Legge di Bilancio 2020.

Nello specifico, inoltre, il comma 192 prevede che:

“Il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive di cui al periodo precedente, non porti al superamento del costo sostenuto.”

L’Agenzia delle Entrate, all’interno dell’interpello, conferma la possibilità di beneficiare cumulativamente di entrambe le agevolazioni, quella prevista dalla legge di bilancio 2020 e il credito d’imposta sisma centro Italia (bonus SUD).

Sulla cumulabilità, il documento di prassi specifica quanto segue:

“Come detto, la disciplina del credito di imposta sisma centro Italia esclude la cumulabilità con altri aiuti di Stato, anche de minimis, non escludendo tuttavia espressamente la possibilità di cumulo con misure di carattere generale.”

Le agevolazioni sono dunque cumulabili in quanto il credito di imposta per investimenti, introdotto dalla legge di bilancio 2020, è considerato una misura di carattere generale.

Tuttavia, deve essere rispettata una condizione: il cumulo delle agevolazioni non deve portare al superamento del costo per l’investimento, come peraltro previsto dal comma 192 dell’articolo 1 della legge di bilancio 2020.

In conclusione l’Agenzia delle Entrate apre alla possibilità di cumulo, così come suggerito nella soluzione proposta dall’istante, ma spiega anche quali sono i limiti da rispettare

Aiuto di Stato:

Come prima definizione, anche se imprecisa, si può affermare che un “aiuto di Stato“, rilevante ai sensi del trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, è un’agevolazione (sotto qualsiasi forma) concessa senza corrispettivo dallo Stato o mediante risorse statali, a soggetti, che svolgono attività economica su un determinato mercato, conferendo loro un vantaggio, in grado di incidere sugli scambi interni e di falsare o minacciare di falsare la concorrenza.

I requisiti che una misura deve possedere per essere qualificata come aiuto di Stato ai sensi dell’articolo 87, paragrafo 1 del trattato sono quattro e devono essere compresenti:
1) origine statale dell’aiuto (aiuto concesso dallo Stato ovvero mediante risorse statali);
2) presenza di un vantaggio selettivo;
3) incidenza sulla concorrenza;
4) incidenza sugli scambi tra gli Stati membri.

Cosa vuol dire che l’aiuto deve essere selettivo per rilevare ai sensi del Trattato CE?

 

Vuol dire che l’aiuto favorisce certe imprese e non altre, certi settori economici e non altri. Una misura nazionale, ad esempio una riduzione fiscale o previdenziale, che si applica a tutte le imprese di tutti i settori e su tutto il territorio di riferimento (in genere quello dello Stato membro interessato) e senza alcun potere discrezionale da parte dell’amministrazione pubblica non è selettiva. Un’agevolazione che favorisce le imprese di una certa area geografica più ristretta di quella nazionale, è considerata tendenzialmente selettiva. Ad esempio, un aiuto alle PMI venete è selettivo sotto due aspetti: favorisce solo le PMI e non anche le grandi imprese, e favorisce solo le PMI venete e non quelle di altre regioni. Considerazioni particolari e legate ai singoli casi vanno poi fatte nel caso di riduzioni fiscali da parte di enti territoriali dotati di autonomia fiscale.

 

Per la verifica della vostra idea progettuale oppure per ulteriori approfondimenti in merito a programmi di investimento, agevolazioni finanziarie e pratiche bancarie, potete contattare il nostro STUDIO ubicato a Barletta al viale G. Marconi n. 8, e nello specifico il dott. Roberto Piccolo ai seguenti recapiti:

telefono studio: 0883 333228

mail:

[email protected]

[email protected]

 

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Informazioni

POLITICA DI UTILIZZO DEI COOKIES


Un cookie è un file che viene scaricato sul tuo computer quando consulti alcuni siti Web. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti. I cookies utilizzati su questo sito Web e i loro utilizzo sono:

SESSIONID : scade al termine della sessione. Questo cookie permette di seguire la navigazione dell'utente durante la sessione, di conservare le informazioni inserite dall'utente nei campi che lo prevedono, e di assicurare la qualità e la sicurezza della navigazione sulle pagine del sito.
_pk_XXXX.XXXX : scade dopo 30 minuti. Questo cookie permette di ottenere dati sull'utilizzo delle nostre pagine Web a fini statistici.
CDN : scade dopo 3600 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
Slb : scade dopo 30 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
VisitorEntrance : scade al termine della sessione. Questo cookie determina l'origine geografica dell'utente, attraverso l'indirizzo IP di connessione.
cookieAccepted : scade dopo 365 giorni. Questo cookie permette di mascherare le informazioni sull'utilizzo dei cookies del sito e viene utilizzato solo se l'utente ne accetta l'utilizzo.
Puoi autorizzare, bloccare o eliminare i cookies installati sul tuo computer modificando le opzioni del tuo browser. Per i browser più popolari trovi qui i link:

Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Apple Safari

Ti informiamo che la disattivazione di un cookie potrebbe impedire o rendere difficoltosa la navigazione o le prestazioni dei servizi proposti sul nostro sito.

Chiudi

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Informazioni

POLITICA DI UTILIZZO DEI COOKIES


Un cookie è un file che viene scaricato sul tuo computer quando consulti alcuni siti Web. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti. I cookies utilizzati su questo sito Web e i loro utilizzo sono:

SESSIONID : scade al termine della sessione. Questo cookie permette di seguire la navigazione dell'utente durante la sessione, di conservare le informazioni inserite dall'utente nei campi che lo prevedono, e di assicurare la qualità e la sicurezza della navigazione sulle pagine del sito.
_pk_XXXX.XXXX : scade dopo 30 minuti. Questo cookie permette di ottenere dati sull'utilizzo delle nostre pagine Web a fini statistici.
CDN : scade dopo 3600 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
Slb : scade dopo 30 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
VisitorEntrance : scade al termine della sessione. Questo cookie determina l'origine geografica dell'utente, attraverso l'indirizzo IP di connessione.
cookieAccepted : scade dopo 365 giorni. Questo cookie permette di mascherare le informazioni sull'utilizzo dei cookies del sito e viene utilizzato solo se l'utente ne accetta l'utilizzo.
Puoi autorizzare, bloccare o eliminare i cookies installati sul tuo computer modificando le opzioni del tuo browser. Per i browser più popolari trovi qui i link:

Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Apple Safari

Ti informiamo che la disattivazione di un cookie potrebbe impedire o rendere difficoltosa la navigazione o le prestazioni dei servizi proposti sul nostro sito.

Chiudi