Fondo ristorazione: da domenica 15 novembre via alla procedura per ottenere i rimborsi per gli acquisti made in Italy

Condividi:

Per ristoranti, agriturismi, catering per eventi, mense e alberghi (per l’attività di somministrazione di cibo) si apre la possibilità di ottenere fino a un massimo di 10mila euro (Iva esclusa) per l’acquisto (effettuato dal 14 agosto 2020 e dimostrato attraverso documentazione fiscale) di prodotti, inclusi quelli vitivinicoli, di filiere agricole e alimentari, anche Dop e Igp, valorizzando la materia prima di territorio: sono disponibili complessivamente 600 milioni di euro. Arrivano, infatti, al traguardo le regole del fondo ristorazione disciplinate dal decreto del ministero delle Politiche agricole (di concerto dell’Economia) del 27 ottobre pubblicate in «Gazzetta Ufficiale» il 6 novembre.

Procedura operativa:

La richiesta potrà essere presentata da domenica 15 novembre sul «Portale della ristorazione» (www.portaleristorazione.it) piattaforma web che sarà gestita da Poste italiane (individuato come «concessionario» della misura), o attraverso gli uffici postali.

Insieme alla richiesta saranno necessarie la compilazione e firma di alcune dichiarazioni oltre alla copia del versamento dell’importo di adesione all’iniziativa e i documenti fiscali (fatture e documenti di trasporto) che certificano l’effettivo acquisto e la consegna dei prodotti agroalimentari, anche senza quietanza di pagamento.

Imprese ammesse al beneficio:

Al contributo saranno ammesse le imprese con codice Ateco prevalente 56.10.11 (ristorazione con somministrazione), 59.29.10 (mense) e 56.29.20 (catering continuativo su base contrattuale). In fase di conversione sono stati aggiunti anche i codici 56.10.12 (attività di ristorazione connesse alle aziende agricole), 56.21.00 (catering per eventi), e limitatamente alla somministrazione di cibo, il codice 55.10 (alberghi).

Il contributo è concesso alle imprese che hanno avviato l’attività dal 1° gennaio 2019 o a quelle già attive prima di tale data qualora il fatturato medio dei mesi da marzo a giugno 2020 sia inferiore ai tre quarti del fatturato medio dei mesi da marzo a giugno 2019.

Acquisti agevolabili:

Sono ammessi al contributo gli acquisti effettuati, dopo il 14 agosto 2020, di prodotti agroalimentari (inclusi prodotti vitivinicoli, della pesca e dell’acquacoltura), anche Dop e Igp, valorizzando la materia prima del territorio. L’ammontare degli acquisti non può essere inferiore a mille euro né superiore a 10mila euro, Iva esclusa.

Il requisito della valorizzazione della materia prima di territorio si ritiene soddisfatto per:

  • prodotti da vendita diretta;
  • prodotti ottenuti da filiera nazionale integrale dalla materia prima al prodotto finito.

Bisognerà acquistare (o aver acquistato) almeno tre diverse tipologie di prodotti agroalimentari e il prodotto principale non può superare il 50% della spesa totale.

Priorità ai prodotti ad alto rischio di spreco

Saranno considerati prioritari gli acquisti di prodotti Dop e Igp e di prodotti ad alto rischio di spreco. Tra gli altri, indicati nell’allegato al Dm del 27 ottobre, ci sono latte 100 % italiano, prosciutto crudo dop e prosciutto cotto 100% italiano, olio extra vergine di oliva 100% da olive italiane e/o dop ed altri prodotti di origine italiana.

Le modalità di accredito del contributo e di pagamento delle forniture:

Sulla base dell’elenco definitivo dei soggetti beneficiari ottenuto dopo i controlli documentali e la registrazione al Registro nazionale aiuti (Rna) per la verifica del rispetto del massimale degli aiuti de minimis da parte di Poste italiane, il ministero delle Politiche agricole autorizzerà il pagamento di un anticipo pari al 90% del valore del contributo tramite bonifico effettuato da Poste.

Entro 15 giorni dall’anticipo il beneficiario dovrà dimostrare, attraverso il canale (telematico o fisico) scelto per la presentazione della domanda originaria, l’avvenuto pagamento degli acquisti attraverso la quietanza. Una volta acquisita tale documentazione, saranno emessi i bonifici a saldo del contributo concesso. Prima comunque di autorizzare il saldo, sarà verificato il rispetto del massimale degli aiuti «de minimis» e «de minimis agricolo».

Il contributo ricevuto non sarà tassato né per le imposte dirette (Irpef o Ires) né per l’Irap.

Condividi:

Be the first to comment on "Fondo ristorazione: da domenica 15 novembre via alla procedura per ottenere i rimborsi per gli acquisti made in Italy"

Leave a comment

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Informazioni

POLITICA DI UTILIZZO DEI COOKIES


Un cookie è un file che viene scaricato sul tuo computer quando consulti alcuni siti Web. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti. I cookies utilizzati su questo sito Web e i loro utilizzo sono:

SESSIONID : scade al termine della sessione. Questo cookie permette di seguire la navigazione dell'utente durante la sessione, di conservare le informazioni inserite dall'utente nei campi che lo prevedono, e di assicurare la qualità e la sicurezza della navigazione sulle pagine del sito.
_pk_XXXX.XXXX : scade dopo 30 minuti. Questo cookie permette di ottenere dati sull'utilizzo delle nostre pagine Web a fini statistici.
CDN : scade dopo 3600 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
Slb : scade dopo 30 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
VisitorEntrance : scade al termine della sessione. Questo cookie determina l'origine geografica dell'utente, attraverso l'indirizzo IP di connessione.
cookieAccepted : scade dopo 365 giorni. Questo cookie permette di mascherare le informazioni sull'utilizzo dei cookies del sito e viene utilizzato solo se l'utente ne accetta l'utilizzo.
Puoi autorizzare, bloccare o eliminare i cookies installati sul tuo computer modificando le opzioni del tuo browser. Per i browser più popolari trovi qui i link:

Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Apple Safari

Ti informiamo che la disattivazione di un cookie potrebbe impedire o rendere difficoltosa la navigazione o le prestazioni dei servizi proposti sul nostro sito.

Chiudi